Ughetta di Canneto (Vespolina)

L'Ughetta di Canneto, è utilizzata in uvaggio con Croatina e Barbera nei vini L'InaspettatoButtafuoco, rientra anche nell'uvaggio del vino Roncotto.

ughetta di canneto

Cenni storici

Il nome di Vespolina deriverebbe dal fatto che quest’uva è ricercata, per la sua dolcezza dalle vespe. Ha perso d’importanza con l’avvento della fillossera, maturava irregolarmente quando le viti erano innestate su piede americano; con il miglioramento dei portinnesti, questo difetto si è notevolmente attenuato. Le prime descrizioni furono fatte dall’Acerbi (1885), alle quali seguì Galleso (1889) che lo chiamò V.v.Circumpadana. In Oltrepò è conosciuta quasi unicamente con il nome di Ughetta di Canneto, alcuni ritengono che sia una varietà differente sviluppatasi localmente.

ughetta di canneto

Qualche cenno ampelografico

L’apice del germoglio della pianta è aperto, cotonoso, di colore bianco con lieve carminatura ai bordi. L’asse del germoglio è ricurva. La foglia adulta è piccola, pentagonale e quinquelobata, con seno largo peziolare ad U. I seni laterali superiori a bordi sovrapposti o a lira chiusa, sono assai profondi; seni laterali inferiori pure a bordi sovrapposti ed a lira chiusa, sono abbastanza profondi. La pagina superiore è di colore verde, l’inferiore è di colore verde chiaro anche sulle nervature principali, cotonose anche su dette nervature, di cui quelle di primo, secondo e terzo grado sono sporgenti. Il grappolo di media grandezza, mediamente compatto, allungato, cilindrico o conico. Sovente presenta una sola ala alquanto sviluppata, il peduncolo è lungo, erbaceo e sottile. L’acino è di media grandezza, elissoide regolare con ombelico prominente, non persistente. La buccia è di colore turchino scuro quasi nero, pruinosa ma non molto, piuttosto sottile e poco consistente. Il succo è leggermente colorato o incolore; la polpa è molle e succosa.

ughetta di canneto